Lunedì, 20 Novembre 2017

Perchè visitare l'Armenia

 Lago Sevan e Sevanavank

L’Armenia lascia una traccia indelebile nel cuore di ogni viaggiatore. Un Paese che si lascia scoprire con la dovuta devozione, un Paese che si fa amare e che non si dimentica facilmente.

L’aspetto particolare ed unico sta nella sua antica storia, nei suoi simboli universali, nella sua radicata fede cristiana. Nelle pagine di questo sito vengono e verranno spesso illustrati tanti aspetti, qui ci preme informare e mettere in risalto la sua vocazione turistica. In Armenia ogni sforzo per garantire lo sviluppo del turismo è in atto dopo alcuni anni di decadimento dovuto alle lotte politiche e fisiche avvenute ai suoi confini dopo il disgregamento del colosso sovietico. Alberghi nuovi, stazioni sciistiche modernizzate di Vanadzor, Tsakhkadzor, Dilijan, Hankavan, la stazione balneare di Arzni, i crescenti complessi turistici sul lago Sevan, le crescenti sistemazioni in camere private rendono più fruibile i momenti di soggiorno. In Armenia ci sono vacanze per tutti i gusti. Il suo territorio costituito da montagne, colline, canyon, altopiani e valli permetto a chiunque di visitare il territorio come escursionisti amanti del trekking o per alpinismo, o scendere fiumi e rapide schiumose con il rafting, esercitare lo sport della pesca nei fiumi alpini, curarsi alle terme nelle sorgenti, esercitare la caccia, noleggiare biciclette per ciclo-escursionismo ed sperimentare l’intima profondità del turismo culturale e religioso. Situato all’incrocio delle grandi vie storiche dei commerci e della seta, protagonista nel bene e nel male di più di 6.000 anni si Storia, questo Paese, il cui simbolo, il monte Ararat, che spicca visibile da ogni parte dell'Armenia, pur trovandosi in suolo turco è ancora oggi patrimonio non solo del suo paesaggio, ma del suo immenso valore spirituale. E poi è la sua gente, fiera e umile, onesta e generosa, a dare l’abbraccio a quanti vogliono dedicare i loro giorni a comprenderla e a incontrarla. Entrare nei luoghi che videro la prosperità delle grandi civiltà, che furono campi di battaglie aspre e sanguinose, toccare con i sensi gli eventi storici di importanza mondiale, immergersi nel religioso silenzio di mille edifici religiosi che mano dell’uomo non può aver costruito da sola, non è il sogno di ogni viaggiatore?

"Le andate e i ritorni in Armenia non si assomigliano mai, sembrano un proseguimento del viaggio in territori ignoti. Le cose note improvvisamente divengono estranee mentre il nuovo ti può apparire familiare. Su cose che al momento vissuto appaiono essenziali da ricordare cala il silenzio, mentre su altre, che non sapevi di aver trattenuto, si liberano il ricordo e la parola".
(Pietro Kuciukian)

www.atb.am/it/armenia/sights
www.omnestour.ge
www.evaneos.it/armenia/?gclid=CN-5mrL-lLsCFcNF3godSmQANQ
www.hyurservice.com/eng/?gclid=CKPI0sr-lLsCFQTA3godziUAVQ
www.viaggiaresicuri.it/?armenia
www.lonelyplanetitalia.it/destinazioni/europa/armenia
www.ciaobici.it/index.php/itineraritop/cicloviaggi/202-armenia,cicloturismo,emin,songs,poems
www.aforismidiviaggio.it/index.php/guide-menu/83-armenia,ararat,geghard,novarank,turismo

http://www.ciaobici.it/index.php/itineraritop/cicloviaggi/223-armenia,cicloturismo,via-della-seta,

http://www.ciaobici.it/index.php/itineraritop/cicloviaggi/224-armenia,cicloturismo,tatev,sellim-pass,

http://www.ciaobici.it/index.php/itineraritop/cicloviaggi/229-armenia,cicloturismo,yeghegnadzor,yerevan