Lunedì, 26 Ottobre 2020

Hayk e il terribile Bel

"Hayk" di Mkrtum Hovnatanian (1779–1846).

Il leggendario fondatore della nazione armena, in piedi accanto alla tomba di Bel, con la freccia di Hayk ancora nel petto di Bel. La mappa raffigura la regione del Lago di Van e il Monte Ararat, con l'arca di Noè.

Hayk the Great (armeno: Հայկ, pronuncia armena: Hajk), o The Great Hayk, noto anche come Hayk Nahapet (Հայկ Նահապետ, pronuncia armena: hajk nahapɛt, Hayk il "capofamiglia" o patriarca), è il leggendario patriarca e fondatore della nazione armena. La sua storia è raccontata nella storia dell'Armenia attribuita allo storico armeno Mosè di Corene (o Movses Khorenatsi, c.410 - c.490).

 Secondo i resoconti di Mosè di Corene e Sisto Giulio Africano, la battaglia ebbe luogo tra la dinastia di Hayk e una dinastia caldea nella sua terza generazione che aveva il controllo di Babilonia e il restante territorio di Akkadia sotto il re Belus, un dio simbolico babilonese / accadico of War, o fondatore di Babilonia a seconda della tradizione mitologica. Nel racconto di Mosè di Chorene, Hayk, figlio di Torgom, ebbe un figlio di nome Armanak mentre viveva a Babilonia. Dopo che l'arrogante Titanid Bel si fece re su tutto, Hayk emigrò nella regione vicino al Monte Ararat. Hayk si trasferì vicino al Monte Ararat con una famiglia allargata di almeno 300 abitanti e vi si stabilì, fondando un villaggio di nome Haykashen. Sulla strada aveva lasciato un distacco in un altro insediamento con suo nipote Kadmos. Bel mandò uno dei suoi figli a pregarlo di tornare, ma gli fu rifiutato. Bel decise di marciare contro di lui con una forza enorme, ma Hayk fu avvertito in anticipo da Kadmos del suo approccio in sospeso. Radunò il proprio esercito lungo la riva del lago Van e disse loro che dovevano sconfiggere e uccidere Bel, o morire tentando di farlo, piuttosto che diventare suoi schiavi. Nei suoi scritti Mosè afferma che:


“Hayk era un uomo bello e amichevole, con i capelli ricci, gli occhi scintillanti e le braccia forti. Era un uomo di grande statura, un potente arciere e un guerriero impavido. Hayk e il suo popolo, dal tempo dei loro antenati Noè e Japheth, erano emigrati verso sud verso le terre più calde vicino a Babilonia. In quella terra regnava un gigante malvagio, Bel. Bel ha cercato di imporre la sua tirannia al popolo di Hayk. Ma l'orgoglioso Hayk si rifiutò di sottomettersi al Bel. Non appena nacque suo figlio Aramaniak, Hayk si alzò e condusse il suo popolo verso nord nella terra di Ararad. Ai piedi della montagna costruì un villaggio e gli diede il suo nome, chiamando Haykashen.

Hayk e i suoi uomini scoprirono presto l'esercito di Bel posizionato in un passo di montagna (Mosè di Chorene individuò il sito come Dastakert), con il re all'avanguardia.  A Dyutsaznamart (armeno: Դյուցազնամարտ, "Battaglia dei Giganti"), vicino a Julamerk a sud-est del lago Van, l'11 agosto 2492 a.C. (secondo la cronologia tradizionale armena del primo mese del calendario armeno, Navasard o 2107 a.C. (secondo "La tavola cronologica" di Mikael Chamchian), Hayk uccise Bel con un tiro quasi impossibile usando un lungo arco, facendo cadere in disordine le forze del re.

La vicenda è richiamata anche dal poeta Armeno Gevorg Emin nella poesia I'm Armenian


La collina in cui cadde Bel con i suoi guerrieri, Hayk di nome Gerezmank che significa "tombe". Imbalsamò il cadavere di Bel e ordinò che fosse portato a Hark dove doveva essere seppellito in una posizione elevata alla vista delle mogli e dei figli del re.
Poco dopo, Hayk fondò la fortezza di Haykaberd sul luogo di battaglia e la città di Haykashen nella provincia armena di Vaspurakan (l'odierna Turchia). Chiamò la regione della battaglia Hayk e il sito della battaglia Hayots Dzor.